ULTRA TRAIL LAGO D’ORTA 2018, I NOSTRI ATLETI AL VIA

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il racconto del nostro Presidente Ivano Biffi:

– IL PROGRAMMA ERA ….La prendo come un allenamento lungo.
– Mia moglie Valentina , sull’onda dell’entusiasmo dopo aver terminato l’ennesima gara, decide di iscriversi alla “ Ultra Trail Lago d’Orta “ da 60 km…vieni? Io invece dopo aver terminato una gara, ho bisogno di un periodo di “depurazione “….quindi, prendo tempo. In più, dopo l’estate mi passa un po’ la voglia di correre….le figlie tornano a scuola …il lavoro ritorna a regime….e gli impegni societari incombono ( le due manifestazioni non competitive di febbraio e maggio ..e soprattutto la CUT )
IL PROGRAMMA ERA…farò la 34 km , così partirò sabato mattina con calma e non dovrò lasciare le figlie dai nonni già il venerdì sera…visto che Vale, Simone ,Sara e Dario ( che darà forfeit causa infortunio ) hanno prenotato una notte in albergo. La 60 km partirà alle 9.00 e la 34 km alle 12.00. Poi ultimamente si è fatta sentire la mia bandeletta dx e ricordando quanto tempo mi ha fatto penare , corro a “sensazioni” ritorna ? non ritorna ?
Il PROGRAMMA ERA…Mi chiama Francesco, un amico di Caprino , che in Agosto mi ha aiutato a chiudere la CUT. Ciao Ivano , ho visto che sei iscritto alla UTLO…. anche io … farò la 60 km , però non voglio dormire fuori…so che partirai sabato, che ne dici se vengo con te? Gli devo un favore, quindi…ok… a che ora partiamo? 5.30 alla” Coda del Gallo “.
IL PROGRAMMA ERA…come tutte le altre volte , la sera prima faccio “ la lista “ pantaloncini, maglietta, orologio, scarpe, polsini……preparo tutto, depenno e vado a dormire. Sveglia 4.30…bagno…colazione….carico il tutto e partiamo.
IL PROGRAMMA ERA…arriviamo ad Omegna alle 7.20, iscrizioni, controllo del materiale obbligatorio, nel frattempo arriva mio fratello Simone con Sara e mia moglie Vale, saluti di rito…Alle 9.00 in punto partono accompagnati da Francesco. Rimango solo e ne approfitto per controllare il mio vestiario da gara…Zaino, scarpe, porta pettorale, bastoni……azz ho dimenticato i bastoni…
IL PROGRAMMA ERA…gonfio il materassino e mi sdraio un’oretta e mezza, ma continuo a pensare ai bastoni…per fortuna in zona partenza c’è l’expo con diversi rivenditori di abbigliamento e attrezzature, li compro…torno al furgone, mi preparo un panino col crudo , lo mangio e mi sdraio…ho un po’ freddo ma resisto ….nel frattempo arrivano Bicio e Legora …li raggiungo …arrivano l’altra Vale e l’altra Sara accompagnate da un bel sole…arrivano l’altro Francesco ( detto Mongi ) Stefano, Trizia, Loris e altri amici….Ci schieriamo dietro la linea di partenza, molto dietro….3 2 1 si parte…
IL PROGRAMMA ERA…parto con calma e poi vedo….se parto forte, poi so che scoppio…fa caldo, troppo caldo…la strada asfaltata sale, verso le montagne e tengo un passo regolare, dopo un paio di km imbocchiamo il sentiero…finalmente…si forma un tappo, meglio così , migliora la respirazione…si comincia…la salita mi si addice…imposto un ritmo, che causa partenza nelle retrovie mi costringe a modificare per fare sorpassi senza disturbare nessuno. Il fiato c’è ,le gambe vanno, anche troppo…sorpasso dappertutto , destra sinistra , interno esterno, per i primi 12 km si sale e io stò andando come un treno, non vengo sorpassato e continuo a guadagnare posizioni, anche nei punti più ripidi, dove vedi tutti in colonna, io passo. Verso il decimo km , comincio ad avere un po’ di nausea…mi è già successo, la temperatura è cambiata , c’è vento in quota e un po’ di foschia, dove riesco tengo una mano sullo stomaco, la maglietta è fradicia e fredda…e ho un po’ di sollievo con il calore della mano. Le gambe continuano a rispondere bene quindi….avanti così. Arrivo in vetta al monte Croce, il punto più alto della corsa e trovo del the caldo…
IL PROGRAMMA ERA… ora mi passa…invece niente…inizia la discesa verso il primo ristoro al 13,5 km, in
Salita penso di aver guadagnato talmente tante posizioni da essere nei cento…sarebbe un peccato perderne in discesa….sò che succederà, in discesa faccio pena, non è mai stata il mio forte… le tante storte e la bandeletta mi rendono ancora più cauto….ma è lo stomaco che mi preoccupa, se non bastasse comincio ad aver anche mal di pancia….
IL PROGRAMMA ERA….arrivo al ristoro bevo qualcosa di caldo ( c’era una minestrina ) e poi tutto passa…
Niente…. Sembra anche peggio….tengo duro, ma il ritmo inesorabilmente diminuisce…. Non sorpasso più…anzi vengo sorpassato….verso il 17 ° km la pancia prende il sopravvento…sono su una strada carrabile in quota, in leggero falso piano , intorno a me prati e mucche, vista a 360° e mi ritrovo a cercare un posto per “farla” azz…se mollo non so cosa combino…cammino già da un po’, se provo a corricchiare rischio di farmela addosso….panico…tengo duro, proseguo fino al boschetto alla fine della strada, penso alla “lista”… fazzoletti non pervenuti, li chiedo a tutti quelli/e che mi passano, niente….non ce la faccio più,se mi molla anche la testa faccio una “frittata”, esco dal sentiero e riesco a malapena a togliermi i pantaloncini…meno male che non avevano lacci in vita, sono elasticizzati con mutandina annessa…foglie secche….
IL PROGRAMMA ERA… ora vediamo che succede, proseguo, arrivo al ristoro, mi cambio la maglia bagnata con una asciutta , mangio e riparto, lo stomaco sembra migliorato, la pancia decisamente, bevo solo il brodo della minestrina ….niente…lo stomaco si rifà vivo …pazienza , tengo duro e la chiudo così …ho sempre avuto difficoltà a vomitare e anche questa volta non c’è verso , solo saliva….proseguo, ormai sono più le discese che le salite, non faccio più caso a chi mi sorpassa, non bevo da un po’, quando succhio dalla borraccia sembra risvegliare lo stomaco, se non bastasse perdo il beccuccio di quella di sinistra e il suo contenuto mi inzuppa la maglia….ottimo….nella discesa finale faccio un’altra sosta wc ….mi viene quasi da piangere….
IL PROGRAMMA ERA… se il primo l’anno scorso ci ha messo 3 ore e mezza , io posso farla in 5 ore e mezza…la finirò in 5 ore e 25…
Morale della favola….va bene programmare…… se ci aiuta ad essere più tranquilli….poi bisogna saper reagire agli imprevisti e tener duro per quanto possibile….e ricordarsi i fazzoletti ….ah…ah….ah.

Delicious Trail Dolomiti: il racconto di una gara in uno dei luoghi più belli a livello naturalistico e ricchi di storia, Cortina d’Ampezzo.

Viva la liberta’! Se dovessi dare un titolo a questo weekend del “Canto di corsa” in quel di Cortina alla Delicious Trail, lo chiamerei così:Libertà’ in tutte le sue sfaccettature! Libertà di espressione corporea: correre liberi sui sentieri di quei posti meravigliosi, rincorrersi, cercarsi, sorridersi, giocare e ballare; Libertà’ espressiva ed emotiva tutto dettato solo ed esclusivamente dal ritmo del cuore!! Libertà’ di essere se stessi,di lasciar uscire quello spirito pulito del bambino che e’ in noi che spesso cerchiamo di soffocare!
E’ venerdì sera..ognuno con la sua macchina direzione Pocol! Cena,ci si aspetta,si iniziano a mettere le basi dei festeggiamenti del giorno dopo,si aspettano gli ultimi e poi via a letto dopo una cena strepitosa! La caratteristica di questa corsa sono proprio I ristori e il pasta party,tutto preparato da chef stellati, e ovviamente..il prosecco!!
Sabato,sveglia presto,colazione con altri atleti, solita routine di vestizione (almeno alla partenza bisogna essere perfette😂😂quindi via di piastra!!),racchette a tracolla e come Giovanna d’arco via in piazza con quel giusto mix di sonno,tensione,curiosità ,adrenalina!
Ci siamo tutti,foto di rito,tutti più o meno accoppiati per vivere questo viaggio insieme tranne il coach Giordy che e’ gia in prima linea per competere con i primi, io come sempre invece davanti, con la stessa teoria che almeno se mi superano non sono subito ultima😬😬!
Parte il countdown,via! Dopo 5’km di pianura iniziamo a sognare. Rifugio Croda del lago e il suo spettacolare ristoro,la salita al rifugio scoiattoli ai piedi delle 5 torri dove ritrovo i miei amici,due birrette perché non riesco a mangiare e via! Giordy, Omar e folletto Roby chissà dove saranno ora, io e Sara ripartiamo con Tom e Giorgio, qualche foto e risate con il triatleta , un po di incitamento a Tom ed io e Sara andiamo dettando il passo! Rifugio Nuvolau, proprio là in mezzo alle nuvole,proprio quello che avevamo ringraziato di non dover raggiungere alla Lavaredo ultra trail,breve ristoro e giù verso il rifugio Averau incontrando finalmente Laura e Vale! Ok ci siamo tutti,non abbiamo incontrato Elena ma so dentro di me che con calma lei ce la fa! Rifugio Averau,rifugio Col de la.gallina,prosecchino e ripartiamo! Arrivano Loris, Stefano, Sara, Simo, Gio e Tom, ripartiamo e affrontiamo l’ultima salita al rifugio Lagazzuoi. Ci danno il caschetto e inizio a immaginare come sarà quella galleria della quale ho sentito parlare tanto: qualche metro di dislivello sui tornanti, passaggi mozzafiato e finalmente l’imbocco alla galleria. Scherziamo un po con il soccorso alpino, mi prendo un po di complimenti, ci facciamo aiutare con la frontale e iniziamo a salire quei 250 m di dislivello su quei gradoni! I muscoli bruciano,gli ometti la staranno facendo di corsa, noi ci facciamo forza a vicenda, sembra non finire mai, mi sto divertendo! Sono felice, quel mal di gambe e’ un dolore che mi fa sentire viva,e’ una sensazione di cui ho bisogno,non vedo l’ora di uscire da li per lasciarmi stupire! Ed ecco la meraviglia davanti ai nostri occhi e una super macedonia che ci aspetta: mangiamo, facciamo un po’ le vip facendoci i selfie e poi guardo Sara e le dico: ” mancano 11 km, gambe in spalla, stringi i denti, doveva essere una girata easy e invece siamo messe bene, non ascoltare I dolori e vola giù!!!”
Imposto il ritmo, non vedo l’ora dei dolcetti dell’ultimo ristoro,la discesa è facile e corribile,passa veloce, ormai il profumo dell’arrivo e’ sotto il naso!
Ecco l’arco: Nicolò’ ed Edo mi caricano per gli ultimi 100 m,la piccola Sara mi accompagna fino alla finisher line,qualche secondo dopo arriva Sara,ci abbracciamo, siamo tornate noi,questo viaggio ci ha fatto ritrovare! Davanti a me i forti del ‘Canto di corsa’ già belli profumati, ci salutiamo e aspetto i miei amici con cui scherzosamente ho giocato superandoli ma non vedo l’ora di stringerli e complimentarmi con loro! Arrivano anche Laura, Vale e poi Elena ! Siamo tutti insieme,ognuno con I piccoli traguardi raggiunti,ognuno con le proprie gioie, ognuno con i propri dolori,ma insieme pronti per passare una serata al top!
Niente trucco, niente bei vestiti, semplici nella nostra pelle, mangiare, bere e ballare,lasciare che solo il ritmo della musica scandisca il ritmo del nostro corpo, liberi da ogni pregiudizio,da ogni schema, da ogni dovere,energia pura pronta a legare I nostri destini, tutto sotto gli occhi del dj incredulo di fronte alla nostra carica dopo aver corso 40 km!! Ma noi siamo energia e il divano può solo ammazzarci!
Il giorno dopo…breakfast time…vi lascio immaginare..non servono parole🙈🙈🤣!
Quando il prossimo weekend ? E’ stato tutto troppo bello…
Complimenti a tutti gli atleti del CANTO DI CORSA e agli organizzatori!

Valentina Pagnoncelli

CUT e SHORTCUT: presentati i loghi di queste nuovissime gare!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Come anticipato a febbraio di quest’anno, per il prossimo anno il nostro team sta organizzando una gara competitiva di Ultra Trail sui nostri territori ed una più corta ed accessibile (SHORT). La macchina organizzativa procede spedita e tra le tante (tantissime!) cose che stiamo minuziosamente preparando, ecco terminato il progetto grafico per i nuovi loghi delle due competizioni. Tra pochissimo saremo online con un sito dedicato con tutte le info, comprese ovviamente le date da poter inserire nel calendario tra migliori gare nella zona. Stay tuned!

DELICIOUS TRAIL 2018: le immagini dei nostri atleti

Questo slideshow richiede JavaScript.

CantodiCorsa Borsa Race

CHI VUOLE LA BORSA SPORT RACE PERSONALIZZATA CANTO DI CORSA?

Sono disponibili le borse Sport Race brandizzate Canto di Corsa. Ecco le caratteristiche:

  • Tracolla regolabile
  • 100% Poliestere 600D
  • Doppio cursore
  • Loghi Ricamati sul lato
  • Tasca frontale
  • Zip n.10 sul vano scarpiera con doppio cursore
  • Vano portascarpe con fondo rigido
  • 5 piedini in gomma sul fondo
  • Misura: 52x35x52 cm

Il prezzo, riservato si soci Canto di Corsa, è di 27 euro. La borsa va prenotata qui, per il ritiro bisogna recarsi presso l’Outlet dello Sportivo a Calusco d’Adda (BG).

AVP501: Valentina Pagnoncelli ci racconta la sua esperienza

Per una volta posso dire: che figata l’elettronica!! Eh si.. perché stavolta mi ha veramente salvato la pelle!!
Perche questa parte inarrestabile di me chiede sempre di evadere,di andare oltre le proprie possibilita’, di conoscere I propri limiti, di voler camminare per vedere, per conoscere ogni angolo di questo mondo, per incontrare a nudo senza trucchi e senza maschere un sacco di gente! E cosi…e’ gennaio..esce l’annuncio di questa nuova gara:AVP501 alta via dei parchi,partenza da pennabili e arrivo a berceto,501 km 30000 d+! Voglio farla!! Mi domando subito se la voglio fare per me.o per le.aspettative degli altri,ma voglio un viaggio,voglio stare.un po con me,ho voglia di scoprire una parte di italia! Nel frattempo vengo presa di nuovo al tor de geants:non e’ da tutti questa fortuna,vorra’ dire qualcosa?? 15 giorni di mal.di pancia e decido di partire per l’avp! In fretta e furia pago e questo,insieme alla lavaredo e alle orobie,diventa il mio obiettivo! Passano I mesi tra salite con gli sci d’alpinismo, ore sulla bici, trail e allenamenti in.pista e sui sentieri, ogni momento che avverto stanchezza mi ripeto che alla.fine di questa avventura potro’ riposare,ma ora non e’ il momento,ora si lavora (e sono sempre tante ore al giorno per nulla leggere) ,si mangia bene e ci si allena! Ah be..c’e anche la casa da tenere!Ma a 30 anni non si va a fare aperitivo e in discoteca??😏La sveglia suona sempre presto,qualche lamento, il freddo dell’inverno, il tepore della primavera,il caldo dell’estate..non.esiste nulla se non: valentina alzati ed esci ad allenarti!
Sono mesi pieni di domande,sbircio la pagina degli organizzatori ma nulla a che fare con il tor,questi sono in giro a divertirsi e non sembrano preoccuparsi di questo evento! Mah…
31 agosto:la borsa e’ pronta! Per fortuna è capiente, credo che tutto.l’armadio si sia trasferita a pennabilli, ma sono ben organizzata per affrontare tutte le basi vita! Temo di non conoscere nessuno invece iniziano a spuntare alcuni visi noti qua e la’,inizio a sentirmi piu sicura, sono settimane che nascondo la mia preoccupazione per non far agitare chi mi vuol bene!
Ci sediamo al breefing, l’inizio non è dei migliori, nessuna rassicurazione, nessuna certezza su balisaggio e basi vita, iniziamo a guardarci negli occhi ripetendoci che arrivare sara’ dura,ma ce la metteremo tutta! Almeno il gps l’abbiamo, ma soprattutto ho tutte le tracce GPS sull’orologio, quelle che veramente serviranno a portarmi al sicuro!
Decido di non cenare con gli altri,non ho voglia di sentire ansie,dubbi e sicurezze degli altri,voglio rimanere.concentrata! Vado al.ristorante e mangio come se per una settimana non dovessi piu toccate nulla!
Letto presto,una bella dormita e driiiin! Suona la sveglia,ci siamo!! Ore 9:si parte!!!
Inizio gara tranquillo,cerco di dosarmi e provare a tenermi per non stancarmi subito,dicevano avrebbe piovuto e invece il.tempo sembra tenere! I km scorrono,sto bene e sono tranquilla! Quel primo pezzo di gara si sapeva non essere troppo.bello,boschi e basta, faccio scorrere il terreno sotto I miei piedi,qualcuno cerca di avvicinarsi ma con un approccio che non mi piace,rispondo male a.uno:lasciami fare il mio passo che non voglio saltare!(per la cronaca e’ saltato lui alla.prima base vita😬😬😬). Il cielo diventa scuro,inizia a piovere,diluvia! Devo mettermi la giacca…rimango sola…e li la telefonata: “vale segui le.balise perche qui si stanno perdendo tutti”! In un secondo ero anch’io in quel tutti! Piove a dirotto,non si vede nulla,anche il gps non e’ d’aiuto,non prende bene e non.riesco a ritrovare la strada! Calma vale! Cerco.di respirare,ma se non temo le notti sola nei boschi o la pioggia,perdermi mi fa soffocare,mi fa stare malissimo! Giro e rigiro in quel bosco quasi non capendo da che parte ero arrrivata,incontro un altro atleta anche lui che si e’ perso,guardo il.cielo e ringrazio dio! Cammminiamo ma non vediamo neanche una balise,alcune sono strappate e altre…proprio non ci sono,da tanto il.sentiero era povero di segnali,ma la pioggia ha peggiorato il tutto! Perdiamo piu di un’ora,ma siamo.in 5 e questo mi rende tranquilla! Riusciamo a trovare il sentiero: il ristoro e’ vicino! E non sono sola…vedo un poncio in lontananza e le scarpe gialle: si ora posso sorridere! Mi sistema il gps…modalita’ escursionismo..cosi non posso perdermi! Ah,mi sono dimenticata di valutare la possibilita’ che la traccia fosse sbagliata😱😱!e taaaaac..ma riesco subito a ritrovare la via corretta e incontro un po di ragazzi che conosco! Una donna e 10 uomini dietro…mi guardo allo specchio e dico:di bello non ho niente! Il.gonnellino c’e ma e’ tutto.infangato,quindi cosa vorranno?? Non gliene fregava nulla di me,ma solo del mio orologio e del mio percorso! E cosi accompagno tutti alla base vita,la verna,74 km 3800d+ andati! E qui la notizia,gara sospesa.fino domani alle 5: le motivazioni sono le.piu disparate,nessuna credibile!vogliono chiaramente balisare,ma facciamo finta di niente e andiamo a dormire,tutto.sonno guadagnato! Alle 4 suona la sveglia,sistemazione zaino,colazione,denti,scarpe bagnate e si riparte! Tutto.sembra ben balisato,questa tappa scorre tranquilla,I luoghi iniziano a diventare piu belli, altre due ore di pioggia,ma sembra tutto un po piu facile! E cosi scorrono altri 69 km con 3800’d+. Seconda base vita,decido.di non dormire, preparo lo zaino,mi lavo,mangio e riparto! Sono triste in questo momento, continuo a voltarmi indietro,da qui in poi dovro’ andare avanti sola,non ci riesco,sono veramente in preda al panico,ho quella sensazione di soffocamento che percepivo da settimane prima di partire!
Il bosco mi fa paura,per la prima volta temo il buio,non riesco a respirare, vorrei essere da tutt’altra parte,ogni minimo rumorino mi spaventa,e sono sola! Ti prego signore,fammi incontrare qualcuno perche io non posso farcela! Ma nulla,nessuna lucina,nessuna persona, ti prego proteggimi!! Ho cosi paura,mi chiedo perche sono li,sto vivendo cio che temevo a casa! Sapevo sarebbe successo ma che tutto cio avrebbe dato un senso a qualcosa nella mia vita!! Scorrono I km e finalmente una lucina:”daniele,che bello vederti!! Lo abbraccio” mi dice che stiamo sbagliando,nonostante la mia trccia indicasse quella strada! Chiamiamo organizzatori,cerchiamo una strada ma tutte smebrano uguali,il tempo e’ brutto e c’e nebbietta,non riusciamo ad orientarci, la gola mi si chiude sempre di piu! Cerco la forza,quella piu profonda,e provo a fidarmi di daniele! Prendiamo una strada ,io avrei tenuto l’altra direzione ma visto il mio poco senso dell’orientamento chiudo il becco e seguo il mio nuovo compagno! Arrivano 4 lucine…siamo.in direzione sbagliata ma siamo in compagnia ora e uno di questi sembra conoscere il sentiero! Dopo qualche km ritroviamo le balise: era meglio non trovarle! Torniamo a cavalcare sentieri non sentieri,alberi abbattuti,erbacce,tronchi che fanno male,pini,non si passa e non si puo neanche correre! Ma non avevano fatto una traccia per la nostra sicurezza?? Inizia a salire il nervoso,25 km senza ristoro,I responsabili non riescono ad aiutarci, tutti scaricano le colpe sugli altri,e a noi non resta che unire le nostre forze e aiutarci a vicenda!! Sorge finalmente il sole,mi sembra di poter respiare un pochino, le salite si fanno piu dure ma inizia a piacermi,sono con davide alberto e oliviero,sono felice! Nella notte hp avuto colpi di sonno talmente forti e allucinazioni che credevo di non poter gestire!Finalmente il sole ci scalda un po! Siamo diretti alla terza base vita,davide lo troviamo a tratti,io sono sempre con oliviero e con I passi che continuo ad avvertire dietro di me,ma questo e’ tipico e finche li sento sono sicura di andare avanti! Marradi,terza base vita,mi fanno male.I oiedi,mi lavo mangio e faccio riposare un quarto d’ora I piedi! Oliviero parte subito,io aspetto,ma ci ritroviamo poco dopo,e’ accaldato,fa molto caldo,sto con lui,lo vedo in difficolta! Ho un solo obiettivo,arrivare al rifugio scorze’ dai miei amici della leopodistica,non vefo l’ora di abbracciare ale! Sono ancora 20 km ma qui sono ben balisati e sorpattutto I ristori sono buoni! Fino ad adesso e’ stata sofferenza,niente brodo,niente caffe,poco te e proteine neanche a sognarsele! Mi trattano come una principessa: brodo con crostini, massaggio e un’oretta di nanna! Ci diamo appuntamento a mezzanotte! Si riparte, i primi passi sono sempre duri, ci sgranchiamo un po’, stiamo compatti, subito capiamo l’andamento del percorso! Creste pericolose molto scivolose,nessuna corda fissa,nessuno del soccorso alpino,sentieri invisibili da tanto che sono trascurati,siamo smepre piu nervosi,tesi,sappiamo che la cosa piu sicura per dar contro all’organizzaziome sarebbe stata una ritirata di gruppo o la sospensione della gara,in caso contrario avremmo dovuto combattere per arrivare alla fine e far valere le nostre ragioni! Arriviamo a borgo rivoli,sono le 5 della mattina,abbiamo tutti sonno,mangiamo al ristoro che e’ buonissimo e ripartiamo! Ma abbiamo tutti sonno! La tensione nel gruppo e’ alta,qualcosa si e’ rotto,questo negativismo mi sta mandando in crisi,devo prendere una decisione! Decido di mandare avanti gli altri,restare sola,mancano 20 km alla base vita ma ho bisogno di aria pulita,ci vogliamo bene ormai ma ho bisogno di ritrovare me stessa! E’ martedi,sono avanti di 20 ore,ho tutto il tempo che voglio,stanno arrivando dani e stefi a tenermi compagnia,ma io ho accumulato troppo! Devo sfogare in qualche modo,chiamo casa,urlo che voglio tornare,che non faro’ mai piu una cosa del genere,continuo a urlare” bastaaaa, venitemi a prendere!!!voglio tornare” ma so che non e’ cosi! Tra una lacrima e l’altra arrivo al.ristoro,devo solo dormire un attimo! Ma li la brutta notizia…la gara e’ sospesa! All’inizio, come sempre,il sollievo,ma poi la tristezza più assoluta,li capisco che avrei voluto andare avanti,avevo solo bisogno di un’energia diversa,ma potevo farcela e volevo farcela! Arrivano I miei amici,mi hanno portato anche la bresaola che tanto volevo,adesso non serviva piu,ma ero felice di poterla.condividere con loro!
253km fatti,14.500 d+, terzo posto femminile!
Mi manca non aver finito questo viaggio,mi manca non aver salutato oly e davide,mi manca non aver scoperto il mio limite,mi manca non aver visto un pezzo d’italia!sono soddisfatta di come sono andata,delle mie sensazioni,di come ho gestito il tutto,delle emozioni che ho vissuto!
Credevo fosse l’ultima..me l’ero promessa,continuavo a chiedere a dio di farmi arrivare in fondo che sarebbe stata l’ultima!ma ora, a distanza di giorni,ora che le gambe sono tornate in loro,l’unica mia domanda e’: quando posso partire per un altro viaggio?? Vero che ho il pettorale gratis per anno prossimo,m vorrei un viaggio a breve!
Spesso, si rimandano tante cose a dopo un evento e superato l’evento te le ritrovi li in faccia che ti guardano e forse non hai ancora una risposta e allora capisci che forse un po devi ancora viaggiare!

DI CORSA TRA ADDA E CANTO | LE PREMIAZIONI DEI GRUPPI

DI CORSA TRA ADDA E CANTO | TUTTE LE FOTO DELLA GIORNATA!

Ecco finalmente il racconto per immagini della prima “DI CORSA TRA ADDA E CANTO”.

Condividete le immagini con tutti i vostri amici e conoscenti!

Grazie di cuore a tutti quanti hanno partecipato!

Photo a cura di Gabriele Zanon.

“>

DI CORSA TRA ADDA E CANTO | ESTRAZIONE NUMERI VINCENTI

Per tutti i partecipanti alla manifestazione “Di corsa tra Adda e Canto”, ecco i numeri vincenti estratti ieri. I premi si possono ritirare presso l’Outlet dello Sportivo in via Marconi 1429 a Calusco d’Adda (BG).

  BIGLIETTI ROSSI  BIGLIETTI BIANCHI
604 292
672 412
645 446
958 336
963 358
891 75
968 54
670 325
894 389
972 442
646 739
661 343
1000 281
555 442
807 1
552 432
986 96
689 435
546 44
581 295
838 361
194 401
819 334
813 79
953 213
928 297
497 349
176 385
402 119
964 39
15 127
217 407
954 434
499 312
680 66
945 56
938 26
766 305
48 128
177 217
979 31
362 19
800 363
361 509
789 226
883 422
993 447
52
347
27